Un viaggio tra neuroscienze ed ecosistemi formativi per comprendere le sfide delle aziende 4.0

di Riccardo Bubbio, Serena Candeo, Monica La Cava

Serena, Monica, Riccardo, 3 Professionisti, 3 percorsi professionali diversi ma una passione che gli unisce: aiutare le Persone ad apprendere, supportare i percorsi di cambiamento in una parola lavorare meglio con meno fatica. questa passione – cresciuta all’interno del gruppo “HR&Neuroscienze” di AIDP Piemonte e Valle d’Aosta  - ha portato alla produzione di un “ white paper” che esplora il mondo dell’apprendimento immersivo il “seemless learning”

Continuiamo con le nostre segnalazioni di articoli pubblicati nel web invitandovi ad andare a visionare questo link tratto da www.retefin.it in cui si affrontano le nuove frontiere del gaming negli ambiti di applicazione dell'apprendimento.

All'interno dell'articolo troverete inoltre interessanti spunti di approfondimento per un argomento di sicuro interesse.

Quanto tempo è necessario per cambiare…o più semplicemente per sviluppare una nuova abitudine? Per quanto tempo occorre ripetere un comportamento o un’azione affinché essa possa poi definirsi “un’abitudine”? 18 giorni, 250…? Questi, infatti, sono i numeri che si è soliti leggere negli articoli su internet o ascoltare ai convegni sul tema delle neuroscienze. Qual è dunque la cifra esatta? Probabilmente la domanda così formulata è di per sé errata e non ha una risposta univoca. Perché dipende!

Utilizziamo i cookie per rendere l'esperienza dei nostri visitatori la migliore possibile. Per fare questo utilizziamo i cookies. Per sapere come operiamo e come rimuovere i cookies ti invitiamo a vedere la nostra Privacy Policy.